Vi presento Zube della Bilancia. Appartiene al gruppo del vento ed è capace di creare potenti tornadi che gli conferiscono una difesa quasi invalicabile. Il suo nome completo è Zubeneschamali (la stella più luminosa della costellazione) e, insieme a Spica della vergine, si occupa della giustizia nello spazio e di mantenere l’equilibrio all’interno dei 12. Dai cristalli incastonati nei suoi guanti può evocare una bilancia dorata con la quale può distinguere verità da menzogna; se il peso della stella è maggiore a quello del simbolo vuol dire che l’interrogato mente. Appartiene ad una famiglia media di Venere ma ha i capelli e gli occhi più rari e preziosi del pianeta. I suoi abitanti, infatti, sono caratterizzati da un incredibile bellezza, simboli floreali in varie parti del corpo ed occhi e capelli fatti di cristallo. Zube possiede occhi e capelli di diamante ed un suo solo capello vale come 1000 diamanti di media dimensione. Gli abitanti di Venere, inoltre, sono abituati a non toccare mai terra e Zube utilizza i nastri legati alle braccia sia come arma che per fluttuare. La scelta dei nastri e della maschera si collega alle feste ateniesi in onore di Erigone, durante le quali le fanciulle si dondolavano appese agli alberi per poi venire con il tempo sostituite da piccole maschere. Come Dioniso perse l’amata Eligone suicida, lui perse la sua a causa dei serpenti oscuri che scatenando la follia dei venusiani né provocarono una morte violenta. Zube si scioccò così tanto che divenne molto isolato e freddo e per un intero secolo si rifiutò di amministrare la giustizia su Venere, solo la principessa Astrea e Spica riuscirono a farlo rinsanire. Appartiene alle schiere del sole